Scarico delle Acque

La tutela delle acque, prevista dal D. Lgs. 152/2006, individua una serie di interventi e le misure necessarie volte a garantire la tutela qualitativa e quantitativa del sistema idrico. Tutti gli scarichi devono essere autorizzati, l'autorizzazione è rilasciata al titolare dell'attività da cui origina lo scarico.

Nel dettaglio

Le acque reflue industriali assimilabili alle acque reflue domestiche si distinguono in due tipologie:

1) Assimilabili per legge

2) Assimilabili per qualità e quantità

Le aziende le cui acque reflue industriali rientrano nelle tipologie 1. e 2. e che scaricano al di fuori della pubblica fognatura, quindi in corpi idrici superficiali o, dove è ammesso, sul suolo devono richiedere l’apposita autorizzazione.

La richiesta di nuova autorizzazione allo scarico o di modifica di quella esistente dovrà essere presentata, preventivamente, anche in caso di insediamenti soggetti a diversa destinazione, ad ampliamento, a ristrutturazione o la cui attività venga trasferita in altro luogo.

L’autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali assimilate alle domestiche in acque superficiali e/o sul suolo ha una validità di 4 anni dalla data del rilascio.

Desideri ricevere la nostra consulenza?
Contattaci per un appuntamento.

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più