gio 24 gennaio 2019

Il primo Gennaio 2019 è entrata in vigore la Legge di Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2019

Le principali novità introdotte dalla legge in oggetto e correlate con la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro sono le seguenti:

  • Incremento delle sanzioni previste dal D.LGs 81/2008 e s.m.i.;
  • Aumento risorse dedite all'attività di vigilanza dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro;
  • Modifica modalità gestione telematica certificati di infortunio e malattia professionale;
  • Proroga adeguamento prevenzione incendi per le strutture turistico alberghiere nelle zone colpite da eccezionali eventi meteorologici dal 02.10.2018;
  • Scadenza adeguamento norme antincendio nei luoghi della cultura e le sedi dei Beni culturali.

 

Nel dettaglio i punti di maggior interesse.

INCREMENTO delle SANZIONI

[ ... ] aumento del 10% per quanto riguarda gli importi dovuti per la violazione delle disposizioni di cui al decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, sanzionate in via amministrativa e penale. Le maggiorazioni sono raddoppiate ove, nei tre anni precedenti, il datore di lavoro sia stato  destinatario di sanzioni amministrative o penali per i medesimi illeciti.

ESEMPIO. fino all'entrate in vigore della Legge di Bilancio, per la mancata formazione dei lavoratori la sanzione prevista era l'arresto da dua a quattro mesi o ammenda da € 1.315,20 a € 5.699,20; ad oggi è previsto l'arresto da due a quattro mesi o l'ammenda da € 1.446,72 a € 6.269,12; qualora il datore di lavoro nei tre anni precedenti sia stato sanzionato per il medesimo illecito, l'ammenda è raddoppiata e quindi da € 2.893,44 a € 12.538,24.

AUMENTO DELLE RISORSE DEDITE ALL'ATTIVITA' DI VIGILANZA DELL'ISPETTORATO NAZIONALE DEL LAVORO

[...] al fine di rafforzare l'attività di contrato del fenomeno del lavoro sommerso e irregolare e la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro l'Ispettorato Nazionale del Lavoro è autorizzato ad assumenre a tempo indeterminato un contingente di personale ispettivo pari a 300 unità per l'anno 2019, 300 unità per l'anno 2020 e 330 unità per l'anno 2021.

Vedi tutte le news
Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più