mar 09 luglio 2019

Registro elettronico per la tracciabilità dei rifiuti

I soggetti tenuti ad iscriversi al Registro, entro un termine che sarà individuato da un successivo decreto sono:

  • enti e imprese che effettuano il trattamento dei rifiuti
  • produttori di rifiuti pericolosi
  • enti e imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale
  • commercianti ed intermediari di rifiuti pericolosi
  • consorzi istituiti per il recupero e il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti
  • per quanto riguarda i rifiuti non pericolosi "chiunque effettuato a titolo professionale attività di raccolta e trasporto rifiuti [...]

 

Le modalità di organizzazione e dunzione del Registro elettronico nazionale verranno fissate con decreto del Ministero dell'Ambiente.

Dal 1° gennaio 2019 e fino alla piena operatività del Registro Elettronico nazionale, la tracciabilità dei rifiuti è garantita tenento e compilando i registri di carico e scarico, i formulari di identificazione dei rifiuti e tramite la trasmissione annuale del MUD.

L'iscrizione al Registro elettronico nazionale comporterà, a decorrere dal 2020, il versamento di un diritto di segreteria e di un contributo annuale, di ammontare che verrà fissato dal decreto, da aggiornare ogni 3 anni.

 

Vedi tutte le news
Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più